logoverticalergb

Per una consulenza contattami 

 

Dott.ssa Gloria Agliata

Biologa Nutrizionista

               Dott.ssa Gloria Agliata

Biologa Nutrizionista

n° iscrizione Albo Nazionale dei Biologi:

AA_089731

P.IVA: 03986140360

​Cookie Policy | Privacy Policy

logoverticalergb
3

facebook
instagram
linkedin
progettosenzatitolo5

In cosa consiste la prima visita nutrizionale

"La felicità consiste nella realizzazione dello spirito attraverso il corpo".

C.Connolly

Colloquio conoscitivo

Valutazione composizione corporea

La seconda parte della visita sarà dedicata alla valutazione della composizione corporea e stima del fabbisogno energetico tramite le seguenti misurazioni:

1) Misurazioni antropometriche del peso e dell’altezza al fine di definire l’indice di massa corporea.

2) Misurazione delle circonferenze: le circonferenze sono indicatori delle dimensioni trasversali dei segmenti corporei e utilizzate come indicatori di distribuzione del grasso corporeo.

Aiutano anche a valutare lo stato nutrizionale dell’individuo e il corrispondente eventuale rischio di andare incontro a patologie croniche-degenerative.

3) Misurazione delle pliche: la plicometria permette una valutazione obiettiva del grasso sottocutaneo dal quale si può ricavare una stima del grasso corporeo totale.

4) Test bioimpedenziometrico: Un test semplice e non invasivo, eseguito ad ogni consulenza, effettuato con la migliore strumentazione scientifica attualmente in commercio, l'Akern. 

Questo test permette attraverso le misure bioelettriche dei tessuti di conoscere approfonditamente:

- lo stato di idratazione identificando stadi anomali quali sovraccarico di fluidi oppure disidratazione);

- lo stato di nutrizione (evidenziando eventuali carenze proteiche);

- lo stato generale delle membrane cellulari;

- la stima quantitativa dei compartimenti corporei in Massa MuscolareMassa Grassa

- la stima del metabolismo basale.

La prima parte della visita nutrizionale consiste in un colloquio conoscitivo iniziale che mi permetterà di conoscere il paziente, di valutarne lo stile di vita, le attuali abitudini, le preferenze alimentari, eventuali intolleranze alimentari e patologie in corso o passate e, soprattutto, di identificare i punti critici del comportamento alimentare.

Saranno richiesti ed esaminati esami clinici effettuati da non meno di 6 mesi, per tener conto dello stato fisico attuale.

In seguito saranno fornite indicazioni di come organizzare al meglio la propria giornata alimentare individuando un percorso che tenga conto delle esigenze, delle tempistiche, della vita sociale e dello stato di salute generale.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder